social-contatti-bg
contatti-bg
Chiamami
Scrivimi su Whatsapp
Scrivimi
Dove sono
social-bg
Facebook
Instagram
Youtube
gdfaf-logo
Newsletter
hamburger-menù-icon
iscriviti alla newsletter
social-contatti-bg
contatti-bg
Chiamami
Scrivimi su Whatsapp
Scrivimi
Dove sono
social-bg
Pagina Facebook
Instagram
Youtube
gdfaf-logo
Newsletter
iscriviti alla newsletter
hamburger-menù-icon
Vai ai contenuti
La Profondità di Campo
Gabriele Danesi Fine Art Factory
Pubblicato da Gabriele Danesi in Tecnica Fotografica · 3 Novembre 2012
Tags: circoliconfusioneprofonditàcampo

LA PROFONDITÀ DI CAMPO
La profondità di campo rappresenta l'aspetto chiave per decidere in che modo vogliamo registrare le informazioni luminose in base alla loro distanza rispetto al piano di messa a fuoco.

CIRCOLI DI CONFUSIONE E PROFONDITA' DI CAMPO
Quando si effettua la messa a fuoco su una scena, ciò che sarà realmente a fuoco è tutto quello che sta su un unico piano perpendicolare all’obiettivo.

Il piano di messa a fuoco ha la caratteristica di risultare perfettamente nitido, ossia i punti riflessi dal soggetto cadranno come punti di luce sul piano della pellicola (o del sensore).

Al di fuori del piano di messa a fuoco, i punti diventano minuscoli dischi, noti come Circoli di Confusione; più ci si allontana dal piano di messa a fuoco, più tali dischi aumentano di diametro. Entro un certo limite, i circoli di confusione restano sufficientemente piccoli da essere percepiti, dall’occhio umano, ancora come punti.

Si definisce come Profondità di Campo la porzione di spazio che, prima e dopo il piano di messa a fuoco, apparirà come se fosse a fuoco, ossia quella porzione di spazio entro la quale i circoli di confusione sono ancora abbastanza piccoli da essere percepiti come punti.

La profondità di campo non si estende simmetricamente dal piano di messa a fuoco. In generale si ha un’estensione di circa 1/3 prima del soggetto e 2/3 dopo il soggetto.

PARAMETRI CHE DETERMINANO LA PROFONDITA' DI CAMPO
L’estensione della profondità di campo dipende dai seguenti fattori:

- Apertura del Diaframma: Più chiuso è il diaframma, maggiore è la profondità di campo.
- Lunghezza Focale: Maggiore è la lunghezza focale di un obiettivo, minore sarà la profondità di campo.
- Distanza tra fotocamera e piano di messa a fuoco: Più vicino è il piano di messa a fuoco, minore sarà la profondità di campo.

Nella seguente immagine si può osservare un esempio (con dati reali) di variazione dell'estensione della profondità di campo in seguito alla modifica di ognuno dei tre parametri elencati (e mantenendo fissi gli altri due):





Nessun commento

Torna ai contenuti