social-contatti-bg
contatti-bg
Chiamami
Scrivimi su Whatsapp
Scrivimi
Dove sono
social-bg
Facebook
Instagram
Youtube
gdfaf-logo
Newsletter
hamburger-menù-icon
iscriviti alla newsletter
social-contatti-bg
contatti-bg
Chiamami
Scrivimi su Whatsapp
Scrivimi
Dove sono
social-bg
Pagina Facebook
Instagram
Youtube
gdfaf-logo
Newsletter
iscriviti alla newsletter
hamburger-menù-icon
Vai ai contenuti
Le Categorie degli Obiettivi
Gabriele Danesi Fine Art Factory
Pubblicato da Gabriele Danesi in Tecnica Fotografica · 3 Ottobre 2012
Tags: categorieobiettivi

LE CATEGORIE DEGLI OBIETTIVI FOTOGRAFICI
Da un punto di vista puramente costruttivo, gli obiettivi si suddividono in:

Zoom: hanno la caratteristica di coprire un intero intervallo di lunghezze focali. Per motivi di costruzione tecnologica, possono presentare difetti più evidenti rispetto ad un obiettivo con lunghezza focale fissa.

Macro: sono caratterizzati dall’avere una maggiore estensione del barilotto che permette la messa a fuoco di soggetti molto vicini.

Catadiottrici: sono costruiti usando specchi anziché gruppi di lenti (come nei telescopi a specchio). Sono molto più economici, compatti, leggeri ma hanno diaframma fisso e presentano più difetti.

Decentrabili: hanno la caratteristica di poter essere spostati dal loro asse sia lateralmente che verticalmente. Ciò permette di aggiustare l’effetto di fuga prospettica che si ha quando il piano di inquadratura è inclinato rispetto al piano del soggetto. Si usano soprattutto per fotografia di architettura.

Moltiplicatori di Focale: Sono tubi di prolunga da montare tra obiettivo e fotocamera e permettono di aumentare la lunghezza focale di un obiettivo. L’uso di un moltiplicatore però toglie tipicamente circa 2 stop di luce e riduce la qualità ottica dell’obiettivo.



Nessun commento

Torna ai contenuti